Principio di precompressione, superare i limiti del calcestruzzo

Applicazione del principio di precompressione in strutture prefabbricate in cld


Pubblicato il 08 Dicembre 2017
Il Calcestruzzo è un materiale con notevoli caratteristiche meccaniche a compressione, ma con una resistenza a trazione minima, praticamente nulla in molti punti come le riprese di getto. Per tali ragioni la resistenza a trazione ai fini del calcolo non viene considerata. Per ovviare a tali problemi nelle sezioni inflisse si affidano gli sforzi di tensione ad un opportuna armatura, si ha quindi una sezione parzializzata con una area resistente a compressione, affidata al calcestruzzo, ed una resistente a trazione affidata alle barre d'armatura longitudinali. Gia dalla fine del 1900, si è pensato al principio di precompressione, superare i limiti del calcestruzzo eliminando in ogni punto della sezione sforzi di trazione mediante l'applicazione di una compressione impressa artificialmente. Il principio di precompressione si basa infatti sulla generazione all'interno della sezione di uno stato tensione che sovrapposto a quello derivante dai carichi ne riduca gli effetti. L'edile applica il principio di precompressione a molti degli elementi prodotti e lo fa basandosi su due tecniche differenti, con pre o post tensione dei cavi. Le tecniche di formatura sviluppate da L'edile garantiscono elementi allo stesso tempo snelli ma con grandi caratteristiche fisico meccaniche. Per maggiori informazioni sul principio di precompressione e l'offerta l'Edile per gli elementi precompressi vi invitiamo a contattare il nostro ufficio tecnico.



Vedi anche
08/06/2015 Cos'e' il C.A.P. con cavi post-tesi?

08/05/2015 La precompressione con cavi post-tesi

08/01/2018 Elementi prefabbricati in cap l'Edile

08/11/2015 La precompressione a cavi pre-tesi

08/04/2015 La precompressione del calcestruzzo con cavi pre tesi